giovedì 27 agosto 2009

Il campo sportivo di Lesa, affidato a una società di Nebbiuno con una convenzione "curiosa", è in condizioni scandalose

Guardate queste foto. Sono state scattate nei giorni di Ferragosto nell'area del campo sportivo di Lesa "regalato" dal Comune all'ASD JUNIOR MOVIL, una società di calcio di Nebbiuno, con una convenzione che suscita più di un interrogativo e che è oggetto di un'interpellanza che potete trovare qui: http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/una-curiosa-convenzione-stipulata-il-24.html
In attesa di conoscere la risposta ufficiale del Sindaco alla stessa interpellanza ci chiediamo che cosa impedisca all'Amministrazione Comunale di revocare un atto così oneroso per la collettività e con risultati così scandalosi avviando magari anche una procedura contro l'ASD JUNIOR MOVIL per il pagamento dei danni provocati alle strutture.
L'intera area è aperta e in abbandono e consente a chiunque, non soltanto ai nostri "fotografi", di avere accesso alle strutture. (Ringraziamo tutti coloro i quali ci stanno aiutando a fare questo lavoro).

















lunedì 24 agosto 2009

Incompatibilità dell'Assessore Savazzi: "Lesa nel Cuore" chiede un voto del Consiglio Comunale

A distanza di varie settimane dall'ultimo consiglio comunale del 30 luglio 2009 nel quale il Sindaco aveva risposto solo parzialmente a un'interpellanza sull'incompatibilità dell'Assessore Savazzi, in assenza di risposte o atti destinati a chiarire o chiudere la questione i Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi hanno formulato una mozione da discutere nel prossimo Consiglio Comunale. Proprio per l'urgenza della questione ha poi chiesto esplicitamente che esso si svolga entro 20 giorni dalla data della presente richiesta avvalendosi della possibilità contemplata all'art. 43, comma 2 del vigente "Regolamento Comunale per la Convocazione, le Adunanze ed il funzionamento del Consiglio Comunale". Questo è il testo della mozione:
«Il Consiglio Comunale di Lesa
rilevato
che il Testo Unico degli enti locali prevede una precisa incompatibilità tra il ruolo di Assessore in materia di urbanistica, edilizia e di lavori pubblici come indicato espressamente dal comma 3 dell’art. 78 del D.lgs. N.267/2000 il quale recita: «I componenti la giunta comunale competenti in materia di urbanistica, di edilizia e di lavori pubblici devono astenersi dall’esercitare attività professionale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio da essi amministrato»,
preso atto
che nella prima seduta di questo Consiglio Comunale il Sindaco ha comunicato di aver assegnato la delega in materia di lavori pubblici all'Assessore Maurizio Savazzi, geometra e titolare di uno studio tecnico sito nel territorio del nostro Comune;
che nella successiva seduta del 30 luglio ha precisato di non aver mai conferito né deleghe né incarichi in alcuna materia allo stesso assessore ma di "avvalersi delle sue competenze professionali" nell'attività amministrativa
impegna
il Sindaco a osservare scrupolosamente le norme relative all'incompatibilità previste dalle disposizioni di legge verificando che l'Assessore Savazzi non svolga più alcun tipo di attività professionale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio del Comune di Lesa»


Chi vuol saperne di più sulla questione può trovare altre notizie qui:

http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/07/maurizio-savazzi-lassessore-ai-lavori.html
http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/07/savazzi-non-ha-alcuna-delega-il-porto-e.html

giovedì 20 agosto 2009

La Foce dell’Erno, una delle più grandi spiagge libere del Lago Maggiore, rischia il degrado

In questi giorni la stampa riporta notizie rassicuranti sullo stato di balneabilità delle acque del lago antistanti la Foce del torrente Erno. Se confermate nel tempo rappresentano sicuramente un fatto positivo. Meno positivo appare però lo stato ambientale dell’area prospiciente, una delle più grandi spiagge libere del Lago Maggiore, conosciuta agli abitanti del nostro Comune come Rivone, il cui recupero iniziato nel 1990 aveva visto il coinvolgimento diretto di gruppi, associazioni e singoli cittadini con l’appoggio logistico ed economico dell’Amministrazione Comunale. Il primo consistente intervento di quel periodo riguardava il lato verso Lesa che nella parte alta era ampiamente degradato dalla presenza di cumuli di rifiuti accumulatisi negli anni. D’intesa con l’amministrazione comunale gli artigiani del nostro Comune raccolsero fondi e misero a disposizione i mezzi necessari per bonificare l’intera zona, liberandola dai rovi, asportando i cumuli di rifiuti, spianando il terreno e ricoprendolo con uno strato di ghiaia di fiume recuperata nello stesso luogo. L’area venne poi piantumata con giovani alberi regalati alla comunità da floricoltori e singoli cittadini o recuperati dal vivaio della Forestale. Al termine delle operazioni di recupero ambientale una grande festa accolse la decisione degli alunni delle scuole di Lesa di “adottare” i giovani alberi. Non diversa è la genesi dell’intervento operato sul lato verso Solcio dell’area. Qui per iniziativa del locale Comitato Consultivo Territoriale e dell’Associazione Amici di Solcio iniziò la ripulitura del terreno con la collaborazione fattiva di gran parte delle Associazioni di Lesa chiedendo e ottenendo dall’Amministrazione Comunale la realizzazione di un’area attrezzata che consentisse una miglior fruizione della zona. Oggi però, a distanza di non moltissimo tempo da entrambe le azioni di recupero ambientale, la situazione appare cambiata in peggio tanto da far temere che l’intera area stia per entrare in una nuova fase di degrado per carenza di cure e di attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale. Sul lato verso Lesa, dove gran parte degli alberi con i quali era stata piantumata l’area sono scomparsi, tende ad aumentare la presenza di vari cumuli di depositi di materiali inerti e nel lato più lontano dalla spiaggia c’è una vera e propria discarica di materiale verde. Sul lato verso Solcio un deposito imponente di inerti occupa gran parte dell’area destinata al parcheggio delle auto dei bagnanti mentre i dissuasori che dovrebbero impedire l’accesso delle auto all’area attrezzata e alla spiaggia appaiono spesso divelti e spostati. In entrambi i lati, ma soprattutto in quello verso Solcio, si nota la presenza di un gran numero di auto immediatamente a ridosso dei bagnanti e sulle aree verdi dell’area attrezzata in chiara violazione dei divieti esposti. Per questa ragione i Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi, hanno rivolto al Sindaco e all’Assessora Emanuela Melone un’interpellanza per conoscere: - Se siano a conoscenza della situazione;
- In forza di quale autorizzazione i depositi di materiali inerti o di verde possano insistere su un’area esondabile e situata alla foce di un corso d’acqua di buona portata come il torrente Erno;
- Se non si ritenga necessario un intervento adeguato di tutela delle aree recuperate grazie allo sforzo congiunto dei cittadini e dell’amministrazione comunale

Ecco alcune foto dello stato dei luoghi:






































giovedì 13 agosto 2009

Quando si convocano le elezioni dei Comitati Consultivi Territoriali?

Cinque sono i Comitati Consultivi Territoriali (CCT) previsti dallo Statuto del Comune di Lesa ed eletti direttamente da chi vi abita. Cinque come i cuori della nostra comunità: Lesa, Villa, Solcio, Comnago e Calogna. Questi organismi sono stati istituiti con una delibera del Consiglio Comunale nel 1990 che fissava anche le regole per la loro elezione e la loro esistenza è stata poi espressamente citata dallo Statuto del Comune di Lesa. La loro nascita risponde all’esigenza di dare maggior potere alle realtà territoriali. La presenza di questi comitati, eletti direttamente da chi abita nel loro territorio, sono stati a lungo un importante strumento di affiancamento dell’attività dell’amministrazione comunale. A partire dal 2004 però l'amministrazione presieduta dal Sindaco Grignoli ha deciso di soprassedere all’elezione. Perchè? In forza di quale norma o base giuridica si decide di rinunciare all’insediamento di organismi istituiti con apposita delibera consiliare e recepiti anche dallo Statuto? Per saperlo i Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" hanno presentato un’interpellanza che si riporta integralmente:

«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi,
verificato che
- con delibera consiliare n. 87 del 26 ottobre 1990 nel Comune di Lesa sono stati istituiti i Comitati Consultivi Territoriali nel numero di cinque, “ciascuno in rappresentanza di un nucleo storicamente definitosi nell’ambito del territorio comunale: Calogna, Comnago, Lesa Solcio, Villa” come scritto nell’art. 2 dello stesso atto;
- la loro istituzione è esplicitamente richiamata anche dal comma 2 dell’art. 68 dello Statuto del Comune di Lesa,
- l’amministrazione guidata dal Sindaco Grignoli nel quinquennio dal 2004 al 2009 non ha mai provveduto a convocare le elezioni per la nomina dei suddetti Comitati Consultivi Territoriali.
rivolgono al Sindaco la presente interpellanza per sapere
- se il Sindaco sia a conoscenza del fatto;
- per quale ragione non abbia proceduto alla convocazione nel quinquennio dal 2004 al 2009 delle elezioni per la nomina dei suddetti Comitati Consultivi Territoriali;
- se non ritiene che la non convocazione delle elezioni di un organismo istituito con delibera consiliare, peraltro recepita anche dallo Statuto del Comune configuri in qualche modo un atto omissivo;
- se e quando intenda fissare la data per le elezioni dei nuovi Comitati Consultivi Territoriali.»

mercoledì 5 agosto 2009

Una curiosa convenzione stipulata il 24 aprile 2009 che parte però dal…. 1° luglio 2007. Vorremmo saperne di più

Non ci sono dubbi. È davvero una Convenzione curiosa quella stipulata tra il Comune di Lesa e l’ASD JUNIOR MOVIL una società di calcio di Nebbiuno. Lo è per almeno due motivi. Il primo perchè prevede che campo sportivo e aree annesse vengano affidate alla stessa società sportiva senza nessuna indicazione di valore dei beni affidati e, soprattutto, senza nessuna corresponsione monetaria da parte della stessa. In più il comune concede alla stessa società nebbiunese un contributo per energia elettrica e gas “fino a 4000 Euro”. Il secondo perchè la convenzione risulta stipulata il 24 aprile 2009 (poco più di un mese prima delle elezioni) ma parte dal… 1° luglio 2007. Proprio per saperne di più i Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi, hanno rivolto un’interpellanza al Sindaco e all’Assessore Loris Tona per conoscere
- Se il Sindaco e l’Assessore siano a conoscenza del fatto;
- In forza di quale atto deliberativo Guazzi Alfredo, nella sua qualità di Responsabile dell’area affari generali del comune di Lesa, abbia potuto stipulare la Convenzione di cui all’oggetto con la Sig.a Bonomo Isabella presidente dell’ASD JUNIOR MOVIL;
- Se Sindaco e Assessore ritengano formalmente corretto il fatto che una convenzione stipulata il 24 aprile 2009 all’art. 10 stabilisca il 1° luglio 2007 come data d’inizio del rapporto tra Comune e ASD JUNIOR MOVIL;
- Sulla base di quale atto l’ASD JUNIOR MOVIL abbia potuto disporre del campo da calcio comunale e delle annesse strutture in Via Davicini dal 1° luglio 2007 al 24 aprile 2009
- Quanti e quali contributi siano stati concessi all’ASD JUNIOR MOVIL nel periodo dal 1° luglio 2007 al 24 aprile 2009
- Se esistessero altre offerte o proposte d'utilizzo e con quale criterio sia stata operata la scelta dell’ASD JUNIOR MOVIL;
- Quale sia il vantaggio derivante da queste scelte per il Comune di Lesa e per la collettività.

Qui potete trovare novità o aggiunte sull'argomento: http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/il-campo-sportivo-di-lesa-affidato-una.html

lunedì 3 agosto 2009

Monica nella Commissione Mensa e Matteo in Commissione Edilizia

Nel Consiglio Comunale del 30 luglio si è proceduto anche al rinnovo di varie Commissioni. Per la Commissione Mensa il gruppo di “Lesa nel Cuore” ha proposto la consigliera Monica Rodi quale propria rappresentante. La Consigliera stessa è stata poi nominata all’unanimità presidente della Commissione.
Per la Commissione Edilizia la scelta di “Lesa nel cuore” è stata quella di indicare un giovane nel tentativo di innovare con volti e contributi nuovi la Commissione stessa. Il nuovo rappresentante del gruppo nella Commissione Edilizia è, quindi, l’architetto Matteo Nerini Molteni.
A Monica e Matteo gli auguri di buon lavoro!