venerdì 25 settembre 2009

La giunta Grignoli appare un po’ infastidita dall’opposizione. Pazienza, se ne farà una ragione…

Un pizzico d’arroganza, qualche imbarazzo e un po’ di inaspettato nervosismo. Così si può definire l’atteggiamento tenuto dal Sindaco Grignoli e da qualche esponente della sua maggioranza nel Consiglio Comunale del 24 settembre. Il dibattito entra subito nel vivo con la proposta della maggioranza di modificare tre articoli dello Statuto che il sindaco cerca di far passare per meri adempimenti burocratici e che invece sono il frutto di una scelta voluta e in parte destinata a ridurre un po’ gli spazi di democrazia nel nostro comune. La prima modifica introduce la possibilità di nominare alla carica di Assessore una persona scelta al di fuori del Consiglio Comunale, cioè non sottoposta al parere preventivo degli elettori. La seconda modifica toglie dallo Statuto ogni riferimento ai Comitati Consultivi Territoriali, un organo elettivo di rappresentanza delle diverse realtà territoriali del nostro Comune che un’interrogazione di “Lesa nel cuore” aveva chiesto di riattivare (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/quando-si-convocano-le-elezioni-dei.html). La terza stabilisce che un referendum non si possa tenere in concomitanza con altre elezioni (chissà perchè? Farlo insieme ad altre elezioni costerebbe sicuramente meno…) e che per la sua validità è necessaria la partecipazione del 50% + 1 degli elettori (scelta legittima ma discutibile alla luce del fatto che i referendum del nostro statuto sono sostanzialmente propositivi). L’opposizione fa notare che le regole andrebbero riscritte insieme, come è stato fatto nel passato, ma il Sindaco, un po’ piccato, preferisce tagliar corto dicendo che già nella passata amministrazione si è perso un sacco di tempo a questo scopo senza risultati apprezzabili. Dai banchi dell’opposizione gli viene fatto notare che la democrazia e il consenso richiedono pazienza e capacità di relazioni che lui evidentemente non possiede… Le proposte passano a maggioranza. Viene quindi anticipata la discussione dell’interpellanza relativa alla concessione del campo sportivo e delle strutture connesse alla società ASD Junior Movil di Nebbiuno (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/una-curiosa-convenzione-stipulata-il-24.html ). Invece dell’Assessore Loris Tona risponde l’ex assessore Andrea Passirani il quale rileva come la procedura di concessione sia stata effettuata nel rispetto delle norme. La risposta non soddisfa il capogruppo di “Lesa nel Cuore” Gianni Lucini per il quale la procedura è invece stata caratterizzata da imprecisioni e passaggi discutibili, a partire dalla scelta di assegnare le strutture in questione senza stabilirne il valore, a fronte di una contropartita praticamente inesistente e di una dimostrata cattiva manutenzione degli impianti stessi da parte della società assegnataria, come evidenziato anche dalla documentazione fotografica resa pubblica da “Lesa nel Cuore” (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/il-campo-sportivo-di-lesa-affidato-una.html ). In più mostra a Consiglieri e pubblico copia di un manifesto affisso nel periodo elettorale nel quale la società nebbiunese così beneficiata dall’amministrazione comunale invitava a votare per la lista di Grignoli. «Perché una società di Nebbiuno spende soldi per far propaganda alle elezioni di Lesa? Forse per ringraziare del fatto che ha potuto ottenere l’affiliazione al CONI solo grazie al buon cuore del Comune di Lesa che le ha messo a disposizione gli impianti? Credo che si tratti di un fatto increscioso e forse non del tutto legale. Vi immaginate se un fatto del genere fosse accaduto in meridione che cosa si direbbe? In ogni caso abbiamo una copia del manifesto affisso e la mettiamo a disposizione della magistratura se riterrà di intervenire» Minimizzando l’Assessore Passirani dichiara che tale manifesto sarebbe rimasto affisso sui tabelloni elettorali un giorno soltanto. Si passa poi alla votazione delle mozioni presentate da “Lesa nel Cuore”, tutte respinte con varie motivazioni. La richiesta di tenere il Consiglio in orari tali da consentire la partecipazione del pubblico (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/07/unamministrazione-dovrebbe-favorire-la.html ) viene respinta perchè “il pubblico partecipa ugualmente” mentre la mozione sulle possibili incompatibilità dell’assessore Savazzi (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/incompatibilita-dellassessore-savazzi.html ) viene respinta perchè “strumentale”. Quando il capogruppo di “Lesa nel Cuore” paventa nuovamente il rischio di infinite controversie legali in assenza di un chiarimento definitivo sulla posizione dell’assessore il Sindaco dichiara: «So quel che faccio» e chiude la discussione.
Decisamente più insidiosa per la giunta appare la mozione sulla concessione di un pontile alla ditta All Scaf (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/09/tornera-in-consiglio-la-discussa.html ). Dopo l’intervento con il quale il vice sindaco Augusto Bertolio annuncia il voto contrario della maggioranza alla mozione Gianni Lucini ribadisce che si tratta di una procedura che “non sta in piedi” aggravata dalla delibera di Giunta n° 136 del 25 agosto con la quale si concedono in uso alla stessa società per i mesi di agosto, settembre e ottobre aree non comprese nella precedente convenzione e occupate da giugno come segnalato da “Lesa nel Cuore” nel Consiglio Comunale del 30 luglio. L’interpellanza sul degrado del Rivone (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/08/la-foce-dellerno-una-delle-piu-grandi.html ) tornerà probabilmente in Consiglio Comunale per un chiarimento necessario alla luce di alcune dichiarazioni contenute nella risposta dell’Assessora Melone mentre per la Cavallini (http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/09/ma-il-comune-di-lesa-ha-un-progetto-per.html ), se viene confermata la perdita del finanziamento per una colpevole mancanza della Provincia di Novara, occorrerà lavorare a un nuovo progetto.
La seduta del Consiglio Comunale si conclude con una irrituale richiesta di parola da parte del capogruppo di maggioranza Enrico Minniti per un “commento” finale sull’andamento del consiglio stesso e sull’atteggiamento dell’opposizione, a suo dire “censurabile” perchè finalizzato soltanto a far perdere tempo. I consiglieri di “Lesa nel Cuore” lo ascoltano pazienti e con cortesia anche se non si capisce il senso di questa “chiosa moralistica” e l’unica sicura “perdita di tempo” della serata è proprio il suo intervento sostanzialmente inutile. Inevitabile la considerazione finale: L’opposizione disturba? Ve ne farete una ragione…

giovedì 17 settembre 2009

Il Consiglio Comunale rinviato si terrà giovedì 24 settembre. Il nostro giudizio non cambia

Il Consiglio Comunale che doveva svolgersi il 17 settembre alle 18.15 e rinviato in segno di lutto per i soldati italiani morti a Kabul si svolgerà il 24 settembre alla stessa ora e con lo stesso ordine del giorno al quale sono stati aggiunti due punti. Il primo riguarda l'assestamento di Bilancio e il secondo la pavimentazione di alcune vie. Il giudizio sulla convocazione non cambia perchè la sostanza non cambia. Vista la sollecitazione del gruppo di "Lesa nel cuore" perchè si tenesse in orari che favorissero la partecipazione del pubblico (che in altri luoghi è considerata una ricchezza preziosa), lo si è convocato alle 18.15. Resta anche il punto che chiede l'approvazione di modifiche allo statuto tali da ridurre... la partecipazione e il peso delle varie realtà territoriali abolendo istituti in vigore da quasi vent'anni. "Lesa nel cuore" conferma il giudizio già dato dal suo capogruppo: «Grignoli si comporta come un bambino capriccioso. Chiedi la convocazione del Consiglio in un ora civile soprattutto per chi lavora? Lui convoca la seduta nella quale si discute proprio quell'argomento alle 18,30. Gli ricordi l'esistenza degli organismi di partecipazione? Propone di toglierli dallo Statuto. Immagino che si diverta anche a queste trovate... L'arroganza non è mai un segno di forza da parte di chi detiene il potere. In ogni caso ciascuno fa il gioco che più gli si confà. Noi facciamo la nostra parte e poi vedremo. Piuttosto chiediamo che, nonostante l'orario, chi può venga ad assistere al consiglio.. »

venerdì 11 settembre 2009

"Lesa nel cuore" diventa anche un giornale e cerca collaboratori

Il dado è tratto. La testata è stata registrata presso il Tribunale di Verbania. Nasce un periodico dal titolo "Lesa nel cuore". Verrà distribuito gratuitamente su tutto il territorio comunale e si finanzierà con contributi volontari e abbonamenti "simbolici". L'idea è quella di presentarlo ufficialmente entro la fine di ottobre. Ora però si tratta di lavorare alla redazione. Gianni Lucini, il direttore responsabile oltre che il coordinatore del progetto ne spiega le finalità: «Non vogliamo fare un pamphlet per la battaglia politico-amministrativa. Vogliamo fare un giornale vero, con alcune pagine destinate alle questioni di politica locale e il resto dedicato alla cronaca, alla cultura, allo sport e alle notizie "di servizio". Da più di trent'anni faccio giornalismo e, come ho già detto più volte intendo restituire al mio paese un po' di quello che ho avuto dalla vita. In questo caso mi piacerebbe poter contare su un gruppetto di collaboratrici e collaboratori, magari giovani ai quali insegnare il mestiere. Non abbiamo soldi per pagare nessuno e saremo tutti volontari ma quello dedicato all'impresa non sarebbe neppure tempo buttato via, visto che la testata è registrata e al termine di ogni anno ciascun collaboratore riceverebbe una dichiarazione di "collaborazione giornalistica" utile a conseguire l'iscrizione all'Albo. Per questo mi rivolgo a tutte le persone interessate. Ci servono grafici d'editing, fotografi, disegnatori ma soprattutto ci servono giornalisti. Chi è interessato scriva a lesanelcuore@libero.it precisando le sue competenze o i suoi desideri. L'avventura è iniziata, perchè non esserci?»

mercoledì 9 settembre 2009

…ma il Comune di Lesa ha un progetto per la Cavallini?

Quale sarà il destino della Cavallini? Mentre a vari livelli istituzionali sono stati molti nei giorni scorsi gli interventi sullo stato e sul destino della Villa Cavallini di Lesa e del suo parco, proprio il sindaco di Lesa non ha fatto alcun commento. Per questa ragione i Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi hanno presentato un’interpellanza nella quale chiedono di capire se il Comune abbia o meno un progetto per l’area. Il testo integrale è il seguente:

«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore"
appreso
da notizie di stampa e da comunicati ufficiali di vari livelli istituzionali notizie sulla cancellazione di un contributo regionale per la Villa Cavallini e il suo parco a causa di una non tempestiva presentazione del relativo progetto

rivolgono al Sindaco la presente interpellanza per conoscere
- Se e in quale misura a lui risultino vere queste notizie;
- Quale siano le intenzioni del Sindaco e dell'amministrazione comunale circa il recupero e la valorizzazione della Villa Cavallini e del relativo parco.

Si chiede che la presente interpellanza venga iscritta all'Ordine del Giorno della prossima seduta del Consiglio Comunale.»

martedì 1 settembre 2009

Tornerà in Consiglio la discussa concessione del pontile davanti all'ex Società Operaia

Nel consiglio comunale di Lesa del 30 luglio 2009 il Sindaco aveva risposto solo parzialmente a un'interpellanza dei consiglieri di "Lesa nel cuore" sull'utilizzo da parte della Società All Scaf di un pontile a lago di proprietà comunale.
In particolare nel corso del dibattito l'opposizione faceva rilevare come per l'assegnazione:
- non fosse stato fatto alcun bando,
- il prezzo pagato dalla ditta fosse risibile rispetto all'utile e al costo di altre concessioni
- la All Scaf occupasse spazi maggiori di quanto previsto nella stessa delibera di concessione e dalla scrittura privata.
Insoddisfatti della risposta ottenuta oggi i consiglieri Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi riportano la questione in Consiglio proponendo la seguente mozione:

«Il Consiglio Comunale di Lesa
rilevato
che la Società All Scaf, cui è stata assegnata mediante scrittura privata la possibilità di utilizzare il pontile a lago posto di fronte al fabbricato comunale "ex società operaia", per scopi attinenti alla sua attività di noleggio scafi occupa oltre all'area del pontile anche una cospicua porzione di spazio pubblico del terrazzo pavimentato sul quale si innesta il pontile stesso nonché una porzione di area coperta all'interno dell'immobile della Società operaia,
vista anche
l'esiguità del compenso corrisposto al comune e la presenza di un numero di barche attraccate al pontile superiore a quelle indicate nella scrittura privata sottoscritta con il Comune di Lesa
impegna il Sindaco e la Giunta
- a verificare la liceità del comportamento della società All Scaf nella gestione degli spazi pubblici;
- ad assumere se ne ricorrono i presupposti i provvedimenti previsti dal punto 6 della scrittura privata tra All Scaf e Comune (revoca della concessione e recupero danni) ovvero a integrare la scrittura privata sottoscritta dal Sindaco in forza della delibera di Giunta 29/2009 recuperando le somme relative agli spazi occupati in aggiunta a quelli previsti dalla scrittura privata stessa adeguando la corresponsione al valore del bene concesso e all'utilizzo del concessionario;
- a disporre per tempo il bando pubblico per la concessione in uso dello stesso pontile per l'anno 2010 e seguenti».


L'interpellanza originaria può essere trovata qui: http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/07/lesa-nel-cuore-chiede-spiegazioni-sulla.html.
Le risposte del Sindaco sono qui: http://lesanelcuore.blogspot.com/2009/07/savazzi-non-ha-alcuna-delega-il-porto-e.html