venerdì 30 ottobre 2009

Il periodico "Lesa nel cuore" ha iniziato la sua navigazione. Benvenuti a bordo.

Da oggi primo numero del periodico "Lesa nel Cuore" è in distribuzione nelle case dei cittadini di Lesa. Così il direttore responsabile Gianni Lucini ha illustrato in prima pagina il senso dell'impresa:
«La nascita di un giornale è un fatto importante, soprattutto per una comunità come la nostra, così piccola ma ricca di storia, passioni, umori e idee che spesso faticano a farsi conoscere per mancanza di strumenti. Un giornale serve proprio a far circolare idee, informazioni, notizie, ma anche pezzi della nostra storia, appunti di memoria, narrazioni, piccoli sfoghi o grandi critiche. “Lesa nel Cuore” nasce con la consapevolezza dei suoi limiti ma con l’ambizione di superarli. La nostra intenzione è quella di proporci come un giornale vero e non destinando tutti gli spazi alla tenzone politico-amministrativa del nostro Gruppo Consiliare. Già da questo primo numero si può notare come solo alcune pagine siano destinate alle questioni spicciole di politica locale mentre il resto è dedicato a notizie e temi più ampi. Vorrei sottolineare anche la presenza di due “ospiti” importanti. Si tratta della scrittrice Tiziana Regine e del giornalista Alberto Toscano. Entrambi hanno risposto con entusiasmo alla mia richiesta di un contributo per questa pubblicazione: la prima dedicando a Lesa un raccontino scritto con il suo stile inconfondibile e il secondo ricordando una sua partecipazione al mitico torneo notturno del nostro Comune. Sono soltanto i primi di una lunga serie. Ho chiesto a molti amici e conoscenze del mondo del giornalismo, dell’arte e dello spettacolo di fare altrettanto e in ogni numero del giornale avremo uno o più contributi di questo genere con una firma autorevole. Tra un po’ magari potremmo raccoglierli in un volumetto, chissà... In ogni caso questo giornale deve essere un occasione anche per quei giovani che nel nostro Comune hanno voglia di imparare il mestiere del giornalista. Quello di restituire al mio paese un pezzettino di quello che ho avuto dalla vita è un po’ il mio chiodo fisso. Da trent’anni faccio giornalismo e so quanto sia importante, soprattutto all’inizio, poter contare su qualcuno che ti dia gli elementi necessari a svolgere al meglio questo mestiere. Per questo le porte sono aperte a tutti coloro i quali vogliono sperimentarsi. Non abbiamo soldi per pagare nessuno e siamo tutti volontari, visto che gli unici soldi in cassa servono a comporre e stampare queste pagine, ma quello dedicato al giornale non sarebbe neppure tempo buttato via, visto che la testata è registrata e al termine di ogni anno ciascun collaboratore riceverebbe una dichiarazione di “collaborazione giornalistica” utile sia per l’iscrizione all’Ordine che per eventuali sviluppi futuri della sua professione. Tornando all’argomento iniziale questo che avete tra le mani è il primo frutto della nostra passione, il primo numero di “Lesa nel cuore”. Abbiamo l’ambizione di uscire ogni mese e tenteremo di farlo, magari saltandone un paio, anche per ragioni economiche. Possiamo fare sicuramente di meglio ma ogni viaggio inizia muovendo il piede per il primo passo. Ci auguriamo di fare una strada lunghissima e, soprattutto, ci auguriamo di diventare un appuntamento atteso e gradito nella vostra vita. Il battello di “Lesa nel Cuore” è salpato, benvenuti a bordo».

giovedì 22 ottobre 2009

Da oggi "Lesa nel cuore" riceve in giorni e orari fissi

A partire da oggi, giovedì 22 ottobre, una rappresentanza del Gruppo Consigliare di "Lesa nel Cuore" sarà presente a Lesa nel locale adiacente alla biblioteca in Via Roma 14 tutti i giovedì e l'ultimo sabato del mese dalle ore 11 alle 12 a disposizione di tutti i cittadini per qualsiasi necessità o segnalazione.

giovedì 15 ottobre 2009

Perchè non registrare le sedute del Consiglio mettendole poi in rete?

I Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" hanno presentato un'interpellanza per chiedere al Sindaco se non ritenga utile registrare e rendere facilmente disponibili le registrazioni integrali delle sedute del Consiglio Comunale.
Il testo dell'interpellanza è il seguente:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Giovanni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi,
richiamando
l'ampia discussione svoltasi nel corso del dibattimento in Consiglio Comunale sulla propria "Mozione per garantire la massima partecipazione dei cittadini al Consiglio Comunale"
rilevano
come, a prescindere dalla decisione formale della maggioranza di respingere la mozione stessa, il capogruppo di maggioranza Enrico Minniti abbia garantito la volontà della sua parte di favorire la massima trasparenza dell'attività amministrativa e in particolare la più ampia partecipazione della popolazione ai lavori del Consiglio Comunale. Proprio in relazione a queste dichiarazioni i sottoscritti consiglieri
rivolgono la presente interpellanza al Sindaco per sapere
se non ritenga utile ripristinare la registrazione integrale delle sedute consigliari, per qualche tempo già adottata in passato;
quale sia la sua opinione sulla possibilità che le stesse registrazioni vengano rese pubblicamente e universalmente disponibili utilizzando il sito web del Comune di Lesa»

mercoledì 7 ottobre 2009

Il livello del trasporto pubblico a Lesa e nel Vergante peggiora di anno in anno. È tempo che le amministrazioni comunali si muovano!

«...Gli abitanti di Lesa e del Vergante non godono degli stessi diritti di mobilità riconosciuti ad altri cittadini della Repubblica Italiana. Il trasporto pubblico non è adeguato alle esigenze di chi vive nelle nostre zone e negli anni la sua qualità è progressivamente peggiorata. I disagi sono tanti sia per chi deve utilizzare i treni con ritardi e soppressioni. I pullman hanno orari che spesso ne impediscono un maggiore utilizzo e in molti periodi della giornata mancano le coincidenze. Di fronte alla scarsa disponibilità dei gestori a dare risposte concrete alle esigenze dell'utenza, le amministrazioni comunali non possono limitarsi a protestare. È necessario che la loro iniziativa diventi più incisiva e, se necessario, più eclatante...» così Tiziana Tozzi, consigliera comunale di "Lesa nel Cuore" annuncia la decisione del suo gruppo di presentare un'interpellanza sull'argomento il cui testo recita:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi,
rilevano
come in questi anni le disponibilità del sistema del trasporto pubblico nei confronti del territorio del nostro Comune si siano progressivamente ridotte. Se da un lato il collegamento di Comnago e Calogna con il lago è oggi interamente affidato alla buona volontà dei singoli visto che non esiste da tempo alcun mezzo di trasporto a disposizione della popolazione dall’altro non può più essere tollerata la costante riduzione dei treni che fermano a Lesa, l’incongruità degli orari e l’incomprensibile sovrapposizione di servizi paralleli (pullman e treni). Questi ultimi elementi, peraltro sono stati negli anni molto bene evidenziati dai Comitati spontanei dei pendolari. A fronte di questa situazione

rivolgono la presente interpellanza al Sindaco per sapere
· se sia nelle intenzioni dell’Amministrazione affrontare la questione;
· quali iniziative siano in programma;
· se non si ritenga un’utile un’azione comune di tutte le amministrazioni comunali del Vergante e in particolare delle tre che compongono l’Unione (Lesa, Meina e Belgirate) per evitare che i gestori del trasporto locale (Ferrovie comprese) possano continuare a operare al di fuori di qualunque controllo, in assenza di rispetto degli utenti e, talvolta, anche della logica».

giovedì 1 ottobre 2009

Che cosa si fa nel Comune di Lesa per l'abbattimento delle barriere architettoniche?

«...Una comunità civile, equa e giusta si caratterizza anche per la possibilità di garantire eguali opportunità a tutti i cittadini. Si tratta di un principio importante che non si riferisce solo alle condizioni economiche, ma anche alla possibilità di essere liberi di spostarsi senza problemi indipendentemente dallo stato e dalle condizioni fisiche di ciascuno. Per questo è necessario che le amministrazioni pubbliche progettino per tempo e con la gradualità necessaria l'eliminazione di tutti quegli ostacoli che non consentono a tutti i cittadini la mobilità sul territorio...». Così Celestina Diana, consigliera comunale di "Lesa nel Cuore" annuncia la decisione del suo gruppo di presentare oggi un'interpellanza sull'argomento il cui testo recita:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi
ricordano
che un paese non è vivibile e fruibile se non viene consentito a tutti l’accesso in ogni sua parte. In questo senso appare evidente che molto resti ancora da fare per l’eliminazione delle barriere architettoniche nel territorio del Comune di Lesa soprattutto in punti di particolare criticità come la palestra del complesso scolastico. Hanno anche la consapevolezza che in questo campo si possa operare per gradi stabilendo di volta in volta le priorità degli interventi ma non rinunciando a una programmazione tale da consentire la progressiva eliminazione di ogni impedimento alla vivibilità e alla fruibilità dell'intero territorio comunale. Un esempio interessante nel passato era stata la costituzione di un’apposita commissione consiliare che aveva dato buoni frutti soprattutto nel campo della prevenzione e nell’adeguamento progettuale. Oggi, probabilmente, l'impostazione di una simile commissione andrebbe adeguata allargandone la composizione anche al di fuori del Consiglio Comunale a tutti i soggetti interessati. Per queste ragioni
rivolgono al Sindaco la presente interpellanza allo scopo di conoscere
- Quale sia, alla luce degli elementi di sua conoscenza, la fruibilità delle strutture e degli immobili pubblici nel Comune di Lesa alla luce della normativa destinata a eliminare le barriere architettoniche;
- Quali siano i punti principali di criticità
- Quali iniziative siano in essere e quali intenda prendere nel futuro più immediato».