mercoledì 23 giugno 2010

Incurie nella gestione dei Cimiteri. Lesa nel cuore interroga il Sindaco

Quattro sono i cimiteri esistenti sul territorio del Comune di Lesa, collocati a Calogna, Comnago, Lesa e Solcio. Se in complesso lo stato di queste strutture non può essere definito ottimale, ci sono alcune situazioni particolarmente critiche che si possono osservare nei cimiteri di Lesa e Solcio. Allo scopo di avere un quadro più preciso della situazione e di sollecitare l'amministrazione i consiglieri comunali di Lesa nel Cuore hanno presentato la seguente interpellanza:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel Cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi,
premesso che
in seguito a specifiche segnalazioni di cittadini relative ai cimiteri di Solcio e di Lesa il gruppo consiliare di Lesa nel Cuore ha provveduto a segnalare l'incuria nella gestione degli stessi. In particolare si è fatto notare che:
- a Solcio alcune tombe risultano completamente abbandonate senza neppure un cordolo a delimitarle tanto da diventare oggetto di passaggio;
- nello stesso cimitero, nonostante quanto previsto dai regolamenti cimiteriali, pare non esistere un criterio oggettivo e razionale nel riesumare e nel posizionare le tombe nuove al punto che esistono tombe molto vecchie, e molto spesso abbandonate, vicino a tombe più recenti.
- sempre a Solcio nei loculi posti sotto terra quando piove, non essendoci nessun tipo di copertura sulla scala, è normale che l’acqua finisca per allagare il locale. Come se non bastasse ci sono diverse infiltrazioni di acqua e il muro è completamente scrostato
- anche alla semplice vista appare evidente che i loculi dello stesso cimitero, nella parte più vecchia, necessitano di interventi;
- a Lesa nella parte centrale dei loculi, dietro alla tomba dei Parroci, si nota una perdita consistente da un loculo in alto.
- sempre a Lesa c'è una tomba senza nome divenuta luogo di passaggio,
- i cimiteri del nostro Comune, nonostante specifiche indicazioni dei regolamenti cimiteriali e capitolati d'appalto, restano aperti nella notte

Per le premesse sopra esposte rivolgono al Sindaco la presente interpellanza per chiedere
- Se abbia presente la situazione;
- Quali siano gli interventi programmati o previsti per i cimiteri del nostro Comune, Lesa, Solcio, Calogna e Comnago;
- Quali provvedimenti intenda prendere nell'immediato per migliorare la situazione garantendo anche il rispetto dei regolamenti e dei capitolati d'appalto».

giovedì 17 giugno 2010

Quali sostegni per l'AIB a Lesa?

L'AIB, il corpo volontari Anti Incendi Boschivi, è nato a Lesa molto tempo prima del suo riconoscimento con una legge specifica da parte della Regione Piemonte. La sua azione nel tempo si è rivelata preziosa non soltanto nell'attuazione dei suoi scopi specifici (cioè il contrasto e lo spegnimento degli incendi) ma anche per la capacità di offrire un adeguato supporto a moltissime azioni di protezione civile come accaduto in occasione delle alluvioni degli anni Novanta e degli interventi condotti anche al di fuori dei confini del Comune di Lesa. Oggi si ha l'impressione che l'amministrazione comunale di Lesa non valorizzi e non sostenga sufficientemente questa preziosa struttura. Proprio allo scopo di verificarne intenzioni e atti i Consiglieri di Lesa del Cuore hannoi presentato la seguente interpellanza:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Giovanni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi,
ricordano che
- la legge quadro nazionale per la difesa dei boschi dagli incendi ha affidato alle Regioni la quasi totalità dei compiti in materia di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi.
- la Regione Piemonte ha progressivamente sviluppato un vero e proprio sistema basato sulle strutture locali dei volontari AIB, in grado di intervenire sugli incendi boschivi con efficacia ed efficienza.
- attraverso la stipula di apposite convenzioni la Regione Piemonte ha riunito, sotto lo stesso obiettivo, forze istituzionali e volontarie sulla base delle indicazioni della normativa nazionale;
- il sistema AIB piemontese può contare oggi sul supporto tecnico del Corpo forestale dello Stato, del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e sulla dedizione e l’entusiasmo del Corpo volontari AIB del Piemonte;
sottolineano come
nel Comune di Lesa sia nata una delle prime AIB del Piemonte, efficiente, operativa e apprezzata anche fuori dai confini territoriali, capace di essere un punto di riferimento importante anche per le altre analoghe esperienze del Vergante.

Alla luce di quanto sopra esposto chiedono al Sindaco
- se conosca il problema;
- quale sia oggi il livello di integrazione tra l'AIB e la struttura della Protezione Civile;
- quali e quanti contributi Comunali siano stati erogati nello scorso anno e quanti si preveda di erogarne nell'anno in corso a favore dell'AIB di Lesa
».

mercoledì 9 giugno 2010

Che fine ha fatto il Supermercato?

Francamente non ci si pensava più. Dopo aver suscitato discussioni a non finire e qualche polemica l'annunciato Supermercato su un'area in precedenza occupata dai Cantieri Nautici di Solcio sembrava sparito nel nulla. A riportare l'argomento d'attualità ci ha pensato il sindaco di Lesa, Roberto Grignoli, che nel Consiglio Comunale dell'11 maggio scorso ha citato proprio questa realizzazione tra le strutture funzionali al rilancio turistico di Lesa. L'accenno non è sfuggito né al pubblico né ai consiglieri di Lesa nel Cuore i quali in data odierna hanno presentato un'interpellanza destinata a fare il punto sulla situazione. Il testo è il seguente: «I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Gianni Lucini, Celestina Diana, Monica Rodi e Tiziana Tozzi
premesso che
- con delibera di Giunta Comunale n. 202 del 12 dicembre 2006 con l'individuazione del soggetto incaricato per l'adeguamento del P.R.G.C iniziava l'iter della procedura destinata a rendere possibile la realizzazione di un Supermercato sul territorio del nostro Comune;
- tale procedura si poteva considerare formalmente conclusa con la delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 22 aprile 2009 che approvava un "Piano esecutivo convenzionato di iniziativa privata" in un'area occupata da attrezzature terziarie esistenti di Proprietà dei Cantieri Nautici di Solcio;
udito
nello scorso consiglio Comunale dell'11 maggio lo stesso Sindaco citare tra le strutture funzionali al rilancio turistico di Lesa anche il Supermercato,
rivolgono al Sindaco la presente interpellanza per conoscere
- A che punto sia la realizzazione del progetto di cui all'oggetto;
- Se e quali difficoltà stia incontrando;
- Quali siano il giudizio e l'intenzione dell'amministrazione in merito
».