mercoledì 3 dicembre 2014

Da dove arriva la ghiaia che ha sommerso la Foce dell'Erno?

L'articolo dedicato da "La Prealpina
A seguito delle piogge torrenziali dei giorni scorsi la Foce dell'Erno è stata letteralmente sommersa da una quantità impressionante di ghiaia. Per mole e caratteristiche è difficile pensare che essa sia l'oggetto di un "normale" trascinamento a valle dei detriti che si sono accumulati nel letto del torrente. Da dove arriva allora? Noi non lo sappiamo ma vorremmo riportare alla mente l'allarme (a futura memoria) lanciato nel 1996 dall'allora Sindaco Gianni Lucini, da Legambiente e dall'allora Consigliere Comunale con delega all'ambiente e al territorio Alessandro Tibaldi, geologo. L'amministrazione comunale di Lesa dell'epoca denunciò la presenza di un deposito di circa 300.000 metri cubi di materiale inerte proveniente dagli scavi per il tunnel dell'autostrada in località Maglio Nesso, un luogo a picco sull'Erno sito nel comune di Brovello Carpugnino. Si trattava di una sorta di "panettone" artificiale a rischio di dilavamento. In una lettera ufficiale Lucini e Tibaldi scrivevano «...tenendo conto che la discarica presenta alcuni fenomeni limitati (per ora) di erosione accelerata nella scarpata basale, nonchè il fatto che come pendenza della superficie libera del deposito è stata scelta proprio quella massima consentita, non può essere completamente scartata a priori l'ipotesi che, in caso di eventi metereologici particolarmente intensi il fianco della discarica possa attivarsi più estesamente verso valle scivolando sul fondo dell'Erno ostruendolo.... Son passati gli anni. Non è stato fatto nulla e la quantità di ghiaia arrivata a Valle potrebbe essere il segno dell'inizio dello scivolamento...

La lettera di Lucini e Tibaldi pubblicata da "Lesa e frazioni"



mercoledì 5 novembre 2014

Sabato 6 e domenica 7 dicembre vi aspettiamo alla castagnata di Lesa nel Cuore



Vi aspettiamo alla castagnata di Lesa nel Cuore Sabato 6 e domenica 7 dicembre,  sul Lungolago Martiri di Solcio nel Parcheggio sulla Strada Statale verso Meina 


Se vi piace il nostro giornale, se siete interessati al lavoro dell’Associazione Lesa nel Cuore, se volete sostenerci, criticarci o magari solo conoscerci venite a trovarci alla Castagnata. Staremo insieme in allegria, con un buon bicchiere, gustose castagne e altre stuzzicanti suggestioni gastronomiche. L’utile delle due giornate servirà a sostenere le nostre iniziative e soprattutto a garantire l’uscita del nostro giornale. Ci vediamo là..

lunedì 3 novembre 2014

Cavallini: I Consiglieri di SIamo Lesa incalzano l'amministrazione Comunale


Quale sarà il destino della Villa Cavallini? E del parco? Quali sono le intenzioni dell'Amministrazione Grignoli che non molto tempo fa aveva manifestazione l'intenzione di alienare parte della ex proprietà Cavallini per acquisire l'area del Castellaccio? Quando la situazione è confusa e le voci si rincorrono diventa indispensabile distinguere realtà da fantasia, fatti concreti da chiacchiere. Per questa ragione i Consiglieri Comunali di "SIamo Lesa" Matteo Nerini Molteni e Daniela Marforio hanno presentato una corposa e puntuale interpellanza sull'argomento. Questo il testo:

«Premesso che
- con delibera di C.C. n° 26 del 28/06/2012 è stato dato mandato alla Giunta per:
  • verificare la fattibilità, sotto il profilo tecnico – urbanistico;
  • verificare la congruità della permuta, nell’interesse pubblico, attraverso la redazione di perizie di stima asseverate sul valore dei terreni considerati (Cavallini);
  • verificare la possibilità di utilizzo pubblico dell’area attualmente di proprietà privata (Castellaccio);

- la perizia di stima, depositata il 20 dicembre 2012, indicava i seguenti valori: Proprietà della Ges. Pro, per complessivi 22.320 mq, che comprende i ruderi del “Castellaccio”, il prato intorno, la strada di accesso alla spiaggia e il viale Conelli tra la Strada del Sempione e la Via Davicini, Valore stimato € 427.580,00; Proprietà del Comune di Lesa, per complessivi 13.700 mq circa, in località Somarino, Valore stimato € 1.373.500,00 con indice di edificabilità di 0,50 mc/mq;

- la relazione sulla fattibilità tecnico urbanistica è stata depositata il 28 febbraio 2013 e dalla stessa si evince la fattibilità della variante urbanistica;

- le relazioni sono state comunicate a Ges.pro il 14 marzo 2013, senza avere più alcun riscontro;

- nella Delibera di C.C. n° 6 del 10/04/2014 è contenuta la seguente frase: ”…il Sindaco spiega le ragioni per l’acquisizione del Castellaccio, contenute nella delibera, indicando che essa diventa la priorità di questa amministrazione. Non avendo avuto più risposte sulla permuta, l’Amministrazione ritiene quindi che l’alienazione dell’area in località “Somarino” con procedura di evidenza pubblica garantisca una maggiore trasparenza dell’azione amministrativa e consenta di valorizzare pienamente l’immobile nell’interesse del Comune di Lesa, permettendo di disporre delle risorse necessarie per: - l’acquisizione, la messa in sicurezza e il restauro dell’immobile denominato “Castellaccio” e la realizzazione sull’area esterna delle attrezzature a servizio (area a verde, parcheggio, area a lago); - effettuare, con la parte rimanente del ricavato, interventi sugli edifici posti all’interno del compendio di “Villa Cavallini…””;

- sempre nella Delibera di C.C. n° 6 del 10/04/2014 è contenuta la seguente frase enunciata dal Sindaco: “…il compendio di “Villa Cavallini”, notoriamente di grande pregio storico ed architettonico e paesaggistico, versa da anni in uno stato di degrado che ne sta compromettendo la conservazione; la Soprintendenza per i beni architettonici del Piemonte ha recentemente evidenziato la necessità di eseguire almeno gli interventi minimi per preservare la struttura edilizia…”;

- sempre nella Delibera di C.C. n° 6 del 10/04/2014 è riportato: “…L’Amministrazione comunale, per quanto fin qui esposto, ritiene:
1. di dover proseguire nell’intenzione di alienare l’area di proprietà comunale in località “Somarino” individuata da parte dei mappali 94 e 95 e dal mappale 86 del foglio 14;
2. di confermare e ribadire l’intento alla acquisizione del “Castellaccio”, ed è impegnata da subito ad individuare tutte le procedure di legge che, a fronte della concreta disponibilità finanziaria nel contempo realizzata, consentono l’acquisto della struttura, l’idonea sistemazione di quanto sino ad oggi conservato e la realizzazione sull’area esterna delle attrezzature pertinenziali;”
- la delibera votata definisce:
1) di stabilire di alienare il terreno di proprietà del Comune di Lesa individuato al foglio 14 ai mappali 94, 95 (in parte) e mappale 86 in località Somarino, con procedura di evidenza pubblica che garantisce una maggiore trasparenza dell’azione amministrativa e consente di valorizzare al meglio l’immobile;
2) di stabilire che l’area verrà perimetrata per sottoporla a Strumento Urbanistico Esecutivo, ai sensi dell’art. 17 comma 12° della L.R. 56/77 e smi, con modificazione al PRGC;
3) di includere detta area per una superficie complessiva di circa mq. 13.735 nell’elenco annuale dei beni immobili comunali del Patrimonio disponibile da alienare, come indicata nella planimetria allegata alla presente deliberazione sotto la lettera “A” per farne parte integrante e sostanziale;
4) …omissis;
5) di dare atto che si procederà all’alienazione solo successivamente alla modifica della destinazione d’uso dall’attuale “Aree agricole marginali – E1” in “Aree residenziali di completamento – Bc”;
6) di destinare le risorse ricavate, come indicato nella premessa, per l’acquisizione dell’immobile denominato “Castellaccio”, per l’idonea sistemazione di quanto sino ad oggi conservato e per la realizzazione, nell’area esterna, delle attrezzature pertinenziali ed effettuare, con la parte rimanente del ricavato, interventi sugli edifici posti all’interno del compendio di “Villa Cavallini.

- Con la Delibera di G.C. n° 133 del 04/09/2014 si riporta in premessa: ”che in data 10.07.2014 è stato notificato all’Ente il ricorso presentato dall’Associazione VIVI CAVALLINI di Lesa, avanti al TAR PIEMONTE, tendente ad ottenere l’annullamento della delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 10.04.2014”; e si delibera: “ 1. Di autorizzare il Sindaco a resistere in giudizio in nome e per conto dell’Ente, nella vertenza avanti al TAR PIEMONTE instaurata a seguito del ricorso presentato dall’Associazione VIVI CAVALLINI di Lesa, tendente ad ottenere l’annullamento della delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 10.04.2014; 2. Di affidare l’incarico del legale patrocinio dell’Ente nella vertenza in parola all’ Avv.Celestino Corica, dello Studio Lesale Corica con sede in Novara, Via G.Ravizza n. 3 e all’Avv. Daniela Sannazzaro di Torino, quale procuratore , i quali si sono resi disponibili all’incarico stesso; 3. Di affidare la dotazione finanziaria di presunti € 15.000,00 al Responsabile del settore finanziario competente, ai fini della formale costituzione in giudizio nonché dell’affidamento dell’incarico della difesa e rappresentanza legale dell’Ente nel giudizio medesimo.”

- Nell’estate 2014 è stato rimosso il cancello su Via Sempione a seguito di un incidente e il muro a confine con la Via S. Antonio è crollato per un tratto di alcune decine di metri.

Rivolgono al Sindaco la presente interpellanza per conoscere

1. se esiste un progetto di recupero dell’area denominata “Castellaccio”;
2. se sono stati stimati i costi per la realizzazione del progetto e, se sì, quale somma sarà destinata al compendio di “Villa Cavallini”;
3. quali sono gli “interventi minimi” richiesti dalla Soprintendenza per la conservazione del compendio di “Villa Cavallini”;
4. come si pensa di procedere alla vendita dei terreni e a quali cifre, in caso di un’asta pubblica se sono previsti ribassi d’asta e in caso di aste deserte come si pensa di procedere;
5. quanto intendono offrire per l’acquisto dell’area “Castellaccio”;
6. la quantificazione dei costi ad oggi sostenuti o deliberati per l’operazione (perizie, progetti, ricorso) suddividendoli per singole voci;
7. di riferire in merito al ricorso presentato dall’Associazione Vivi Cavallini e al suo esito, indicando anche le motivazioni addotte dal giudice;
8. se il cancello rimosso sarà riposizionato e, se sì, entro quale data;
9. cosa si intenda fare per la messa in sicurezza della zona a confine con il muro, se il muro crollato sarà ricostruito e come la restante porzione di muro sarà recuperata e consolidata al fine di una corretta conservazione del bene, se la Soprintendenza è a conoscenza dell’accaduto»

martedì 21 ottobre 2014

È in distribuzione il n° 49 di Lesa nel Cuore.

È in distribuzione il n° 49 di Lesa nel Cuore. Questi i titoli:

  • ·         Vi aspettiamo alla castagnata di Lesa nel Cuore
  • ·         Approvata l'idea delle "Casette dell'acqua"
  • ·         Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
  • ·         Bianco o nero
  • ·         Nerino (Seconda parte)
  • ·         Un’associazione per i genitori “di tutti i giorni”
  • ·         A che punto è la notte?
  • ·         Adotta una stazione
  • ·         Ed eccola la seconda antenna a Lesa!
  • ·         I Consiglieri Comunali di "SIamo Lesa" chiedono chiarimenti
  • ·         IUC (ovvero l’insieme della TASI-TARI-IMU)
  • ·         Il CruciLesa
  • ·         Non lasciamo sola la nostra squadra!
  • ·         Le ricette di Laura
  • ·         Una Biblioteca, una storia e tante imbarcazioni
 

lunedì 20 ottobre 2014

E questo da dove sbuca?

Ci hanno mandato questa foto scattata alla foce dell'Erno sul lato a sinistra guardando il Lago
Si vede chiaramente la presenza di un tubo che presumibilmente scarica (acqua?) a lago. Da dove arriva, che cosa scarica e soprattutto chi l'ha autorizzato?

martedì 7 ottobre 2014

Il cantiere della Valle dell'Erno, abbandono e desolazione. Si auspica l'intervento della magistratura


È ormai passato un anno dalla data del 23 settembre 2013 quando il Comune di Lesa, anche su pressione di Lesa nel Cuore decise di prendere posizione contraria alla proroga della concessione per la realizzazione della Centralina della Valle dell'Erno. 
La Conferenza dei Servizi decise di concedere ugualmente la proroga. 
A distanza di un anno il cantiere giace nel più completo abbandono. Il Comune di Lesa chiese che, qualora la Conferenza dei Servizi avesse concesso parere favorevole venissero garantite alcune condizioni minime tra le quali c'era la seguente: «Trattandosi di esecuzione di lavori da parte di una società privata su strada pubblica, dovrà essere prevista una fidejussione a garanzia della completa realizzazione delle opere a favore del Comune di Lesa, pari quindi all'importo dei lavori di sistemazione della strada ancora da realizzare compresi gli oneri accessori (I.V.A., collaudi, ecc.), come viene richiesto per l'esecuzione di opere pubbliche da parte di privati nell'ambito di realizzazione di piani convenzionati. In tal modo il Comune di Lesa, in caso di nuovo abbandono del cantiere, avrebbe le risorse necessarie per completare i lavori stradali, non potendosi permettere né di tenere una strada con opere incompiute né di finanziarne il completamento con proprie risorse, a scapito di servizi od opere di maggiore interesse per la collettività»
Tiziana Tozzi, all'epoca capogruppo consigliare di Lesa nel Cuore e oggi Presidente della stessa Associazione, dichiarava «Uno dei nostri obbiettivi è sempre stato la tutela del bene comune e per garantirla il nostro impegno e presidio sono costanti perché abbiamo a cuore la salute e il bene dei nostri concittadini. I fatti stanno dimostrando che anche delle persone normali sono in grado di fermare le ingiustizie. Avere la testa dura a volte porta risultati. ». Oggi, di fronte alla situazione d'abbandono e all'immobilismo ribadisce il concetto e si chiede se, di fronte a quella che sembra una costante presa in giro di enti, istituzioni e persone non sia arrivato il momento di chiedere alla magistratura una verifica attenta e scrupolosa sulla regolarità di tutti gli atti e i comportamenti.

lunedì 29 settembre 2014

Solcio, il Porto delle nebbie...

pontile più grande  3  barche su 12 posti
 pontile  medio 10 barche  su 12 posti
Molti sono i dubbi che permangono sul Porto di Solcio. Il primo riguarda i costi. Secondo quanto scritto in un volantino distribuito in campagna elettorale  dalla Lista che sosteneva Grignoli la sua realizzazione sarebbe stata un affare. In realtà, vista la discrepanza tra i posti disponibili e quelli occupati è ragionevole pensare che quella struttura sia un costo per il Comune di Lesa, cioè per i cittadini. Anche la progettazione suscita qualche perplessità, soprattutto per qual che riguarda l'accessibilità (e il rispetto delle normative in materia). La sua realizzazione poi ha complicato la manutenzione di un rio "ballerino" come quello che sfocia nel Golfo di Solcio e che in passato ha provocato problemi anche seri in occasioni di forti eventi alluvionali. Così il capogruppo consigliare di "SiAmoLesa" Matteo Nerini Molteni ha affrontato la questione sul n° 48 del periodico "Lesa nel Cuore":
«...l’opera è sembrata fin da subito eccessiva per le casse di un comune come Lesa, i pontili “regalati” si sono dimostrati molto costosi, più di 70.000,00 euro per la loro messa in opera che ha richiesto interventi sugli stessi. Pensare di utilizzare pontili usati senza considerare che si sarebbero dovute sostenere spese era pura utopia: i pontili devono essere a norma di legge per poter essere impiegati in ambito pubblico, così come un’Amministrazione che si accorge a lavori in corso che bisogna metterli a norma è alquanto singolare.
pontile piccolo 10  barche su 12 posti
È alquanto singolare anche che ci si accorga all’ultimo momento modificando il progetto che l’accesso per persone con ridotta capacità motoria sia necessario in un luogo pubblico. Al di là della legge, l’accessibilità a tutti i cittadini e con le stesse modalità dovrebbe essere una prerogativa di ogni progetto pubblico: i cittadini sono tutti uguali e non devono esserci distinzioni. In corsa viene progettato e realizzato l’accesso alle persone con ridotta capacità motoria con aggravio di costi. L’accesso viene studiato non come prescrive la normativa, ma con la pendenza che continua anche sul tratto in curva (cosa vietata dalla legge), con una pavimentazione, presente su tutto il marciapiede, con dislivelli che vanno ben oltre i 2 cm previsti dalla legge e dal buon senso.
scivoli nuovi 9 barche su 16 posti
Ora, dopo tutto questo, ancora l’Amministrazione difende il porto, a luglio ha modificato il regolamento consentendo a imbarcazioni prima escluse, date le dimensioni, di ormeggiare con disappunto dei Cantieri di Solcio che così vedono minata la loro attività con il rischio di diminuzione dei posti di lavoro.
Vi sembra possibile che una Amministrazione non pensi prima di effettuare delle scelte alle conseguenze che questa avranno in futuro sul territorio e alla loro gestione?
A Lesa ci sono poche attività che danno posti di lavoro, e l’amministrazione cosa fa? Cerca di fare concorrenza ai Cantieri.
Scivoli vecchi
Vorrei ricordare al Sindaco che lui rappresenta tutti i cittadini di Lesa e ha vinto le elezioni anche con i dati che ha fornito, nel caso specifico, di un porto che sarebbe stato in attivo coprendo cioè tutte le spese sostenute e soprattutto l’oneroso mutuo che per trent’anni ricadrà sulle spalle di tutti i cittadini. Forse la prospettiva di un porto in attivo tanto proclamata non è così scontata: lo dimostra la modifica del regolamento di gestione fatta d’urgenza e discussa nella seduta del 29 luglio in attivo.
Ci deve spiegare se il porto è o meno una spesa per le casse comunali, se l’accesso al porto deve o non deve essere consentito a tutti, se i posti di lavoro vanno o non vanno salvaguardati.

i conti "elettorali" che forse non tornano?
È stato segnalato anche il problema relativo al Rio di Solcio che con le forti precipitazioni accumula detriti alla foce e la realizzazione della rampa di accesso non consente ai mezzi meccanici di accedervi per effettuare la pulizia, creando un notevole pericolo per le abitazioni vicine al Rio e a chi transita sulla strada Statale. Ora? i maggiori costi che ci saranno per poter calare un mezzo nella foce del Rio come saranno considerati? Rientreranno nei costi di gestione del porto? Vogliamo saperlo visto che i cittadini dovranno pagare questi costi con le imposte che versano alle casse comunali...»





giovedì 25 settembre 2014

Martedì 30 settembre alle ore 21 c'è il Consiglio Comunale. Non lasciamo soli i Consiglieri di "SiAmo Lesa".

Martedì 30 settembre alle ore 21 c'è il Consiglio Comunale. Non lasciamo soli i Consiglieri di "SiAmo Lesa". Questi gli argomenti all'ordine del giorno:

APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI
DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER LA DETERMINAZIONE
DELLA TARI PER L'ANNO 2014

DETERMINAZIONE ALIQUOTE I.M.U - ANNO 2014

VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L'ANNO 2014

ARTT. 175 E 193 D. LGS. N. 267/2000 - VERIFICA DELLA GESTIONE FINANZIARIA E
DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO

MOZIONE PER LA POSA DELLA "CASETTA DELL'ACQUA" PRESENTATA DAL
GRUPPO CONSILIARE "SIAMO LESA"

Il muro crollato della Cavallini emblema dell'immobilismo dell'Amministrazione Comunale

Il crollo del muro della Cavallini su Via S. Antonio è l'ultimo esempio in ordine di tempo del degrado di un bene prezioso che sembra però non interessare in alcun modo le istituzioni.
Duro il commento di Matteo Nerini Molteni, Consigliere Comunale d'opposizione a Lesa e capogruppo della lista "SiAmo Lesa": «Cosa fa l'amministrazione Grignoli per tutelare un bene vincolato patrimonio di tutta la comunità? Lo stato di degrado è ormai a conoscenza di tutti e anche la Soprintendenza ne è informata, tanto che tempo fa aveva già sollecitato la conservazione del patrimonio. Intanto il muro su Via S. Antonio, da anni in stato di abbandono è crollato.
L'incolumità pubblica è salvaguardata?
Mandiamo al Sindaco e alla sua Giunta queste domande in attesa di una doverosa risposta».
Sull'argomento ha preso posizione anche Tiziana Tozzi, Presidente di Lesa nel Cuore rilevando come «… la persistente differenza tra parole e atti concreti che sta caratterizzando l’azione del Comune di Lesa rende legittimo il sospetto che l'idea mai abbandonata sia la cessione a privati dell’area con lo spostamento della scuola altrove. Quello che preoccupa è l'assenza di idee e di proposte e, in qualche caso, l’ignoranza delle problematiche…»

martedì 23 settembre 2014

Vogliamo anche a Lesa le Case dell'Acqua

I  Consiglieri  Comunali  del  gruppo "SIamo  LESA"  Matteo   Nerini  Molteni  e  Daniela  Marforio hanno presentato una mozione per l'installazione sul territorio del Comune delle cosiddette "Case dell'acqua". Questo il testo della mozione che verrà discussa e votata nel prossimo Consiglio Comunale:

Il Consiglio Comunale di Lesa rileva
quanto sia necessario incentivare e diffondere tra la popolazione l'utilizzo ad uso  potabile dell'acqua dell'acquedotto  che,   com'è  noto,   risulta  essere  sicura   perché  costantemente  controllata e   pertanto, pienamente rispondente ai parametri richiesti dalla normativa vigente  in materia.

  • L'utilizzo da parte  del cittadino dell'acqua dell'acquedotto consente di ridurre i rifiuti consistenti in bottiglie di plastica  o  di  vetro   in  quanto,  con   l'utilizzo  dell'acquedotto,  necessariamente  si  utilizzano  gli  stessi contenitori.
  • In  questo  momento di  difficile  situazione  economica,  si  mette   a  disposizione  dei  cittadini  un  bene importante senza costi aggiuntivi per  l'utente, se non  il  pagamento, tramite tessere prepagate, dell’acqua erogata, con una  serie di vantaggi per la collettività:
  • Economico:  l'acqua  costerà pochi  centesimi al  litro,  con  un  evidente  risparmio  per  i  cittadini  rispetto all'acqua acquistata in bottiglia e con un guadagno per le casse comunali;
  • Ecologico:  azzeramento della  necessità di  smaltimento  delle  bottiglie  in  plastica  con  un  risparmio  per  le casse comunali e  con  conseguente beneficio per  l'ambiente, risparmio di acqua e  di combustibili per  la produzione di bottiglie, riduzione dell’inquinamento atmosferico derivante dai trasporti;
  • Valorizzazione delle risorse: rivalutazione di un bene già disponibile, controllato e sicuro.
  • La casa dell’acqua è un elemento innovativo nei processi di consumo per  salvaguardia dell’ambiente e nei comuni dove  è stata  installata si è rivelata economicamente vantaggiosa anche per il Comune.

Per questa ragione il Consiglio Comunale, per quanto  di competenza,
1. esprime  parere favorevole  allo studio  di  fattibilità  volto all’installazione  di  una  “casetta  dell’acqua”  che possa essere messa a disposizione dei cittadini e di tutti coloro  i quali si trovino anche occasionalmente sul territorio stesso.
2. dà  esplicito mandato in  tal senso a Sindaco e Giunta impegnandoli a riferire a questo stesso Consiglio Comunale entro  il 31 dicembre 2014.

lunedì 22 settembre 2014

Grignoli e la sua maggioranza portano la TASI al 2,50‰, così si apre il n° 48 di Lesa nel Cuore

«Grignoli  e la sua maggioranza portano la TASI al 2,50‰», con il testo integrale della dichiarazione dei consiglieri comunali Matteo Nerini Molteni e Daniela Marforio si apre il n° 48 del periodico "Lesa nel Cuore" già in distribuzione in tutte le case del Comune di Lesa.
Questo il sommario completo del numero:


  • Crescono e si confermano i dubbi sul Porto
  • Cambiato lo Statuto Bertolio torna Vicesindaco
  • Nerino (Prima parte)
  • Filastrocca del gatto nero
  • Quali iniziative ha preso il Comune di Lesa per la scuola?
  • La Vodafone installa la sua stazione radio base alla Mascarana
  • Ambaradan, briciole di storia
  • Profumo per le vie
  •  Zone di multe e zone libere?
  •  A ottobre cominciano le castagnate. Quella di Lesa nel Cuore sarà il 15 e 16 novembre
  • Il CruciLesa
  • Le maestre nei paesi segnano un epoca, segnano generazioni
  • Seduta su una panchina
  • L'ultima volta

venerdì 25 luglio 2014

Martedì 29 luglio alle ore 21 c'è il Consiglio Comunale - Alla Sala Pertini

Martedì 29 luglio alle ore 21 è convocato il Consiglio Comunale presso la Sala Pertini.
L'ordine del giorno prevede i seguenti punti:

1 - LETTURA ED APPROVAZIONE VERBALI DELLA SEDUTA PRECEDENTE
2 - NOMINA COMMISSIONE EDILIZIA
3 - NOMINA COMMISSIONE CONSULTIVA COMUNALE PER L'AGRICOLTURA E LE
FORESTE
4 - NOMINA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA E PRESIDENTE
5 - NOMINA COMMISSIONE BIBLIOTECA COMUNALE E PRESIDENTE
6 - NOMINA COMPONENTI CONSULTA ASSOCIAZIONI E PRESIDENTE
7 - NOMINA DEL COMITATO DI REDAZIONE DEL NOTIZIARIO COMUNALE "LESA E
LE FRAZIONI"
8 - COMMISSIONE TOPONOMASTICA ED ONOMASTICA STRADALE
9 - COMMISSIONE PER IL MONITORAGGIO, LA RIDUZIONE E L'ABBATTIMENTO
DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE
10 - REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI POSTI DI ORMEGGIO SU AREE DEMANIALI
GIA' IN CONCESSIONE AL COMUNE DI LESA APPROVATO OCN DELIBERA
CONSIGLIO COMUNALE N. 2 DEL 20 MARZO 2014 - MODIFICA
11 - ADESIONE ALLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA DELL'UNIONE DI COMUNI
COLLINARI DEL VERGANTE

giovedì 24 luglio 2014

Chi ha progettato il porto aveva pensato alla ripulitura della foce del Rio di Solcio?

Il molo ha "tagliato" il passaggio dei mezzi per la rimozione
Il materiale depositato nell'alveo 
Il 26 giugno scorso in occasione di un forte nubifragio le acque del Rio di Solcio, chiamato anche Rio della Chiesa, hanno trascinato a valle parecchio materiale alluvionale. Non è la prima volta che accade. Negli anni Novanta, all'epoca delle tracimazioni del lago, la sua ostruzione (nel tratto terminale passa sotto alla Statale) aveva richiesto interventi straordinari di rimozione dei depositi cui sono seguite periodiche anche se non sempre puntuali opere di pulizia con l'intervento di mezzi meccanici che spingevano il materiale verso la foce dove veniva caricato su autocarri che lo rimuovevano in via definitiva. Oggi la situazione appare però complicata dalla presenza del nuovo porto e una tale soluzione non è più possibile. Probabilmente occorrerà procedere in altro modo, magari caricando il materiale su un barcone dal lago con un aggravio di costi a carico della collettività tutt'altro che trascurabile. Ci si chiede se qualcuno avesse previsto questa situazione in fase di progettazione del porto...


lunedì 21 luglio 2014

È in distribuzione il numero 47 di "Lesa nel Cuore"

È in distribuzione da oggi il numero 47 di "Lesa nel Cuore"
In prima pagina c'è la presentazione della nuova Presidente Tiziana Tozzi, del nuovo Direttivo e il saluto della Presidente uscente Luisa Valenziani. Sempre in prima pagina c'è un articolo di Matteo Nerini Molteni sul lavoro dei consiglieri comunali di Si amo Lesa.

A pagina 2 
Tutti insieme... appassionatamente per il bene del nostro territorio
Andare oltre 
La filastrocca di Daria

A pagina 3 
La scampagnata di Lorenzo
Nel bosco
La realtà dell'abbandono
Appello del cuore per Lilly

A pagina 4
Due parole sul Moto Club Lesa
Dall'Oratorio
Una donazione per questo giornale, un investimento...

A pagina 5
Osservazioni al piano delle antenne predisposto per il Comune di Lesa
La spiaggia di Lesa rinata: HERNO BEACH 

A pagina 6
Il CruciLesa 
Una nuova lettera al Sindaco Grignoli sulle antenne di telefonia 
Penalizzati i pendolari

A pagina 7
Un Cenacolo della Poesia e della Letteratura a Lesa

venerdì 4 luglio 2014

Tiziana Tozzi è la nuova Presidente di Lesa nel Cuore

Nell'Assemblea di giovedì 3 luglio è stato rinnovato anche il Consiglio Direttivo dell'Associazione.

È Tiziana Tozzi, già Capogruppo Consigliare nel corso dell'ultimo mandato amministrativo la nuova Presidente di Lesa nel Cuore. Sostituisce Luisa Valenziani, che da tempo aveva chiesto di poter essere sollevata dall'incarico per ragioni personali. Ad affiancare la nuova Presidente ci sarà un Comitato Direttivo composto da Andrea Gattico, Laura Lucini, Mario Maggioni e Piero Rossetto.

Il saluto e l'abbraccio di Luisa Valenziani, Presidente uscente

Cara Lesa nel Cuore, sono Luisa Valenziani. Forse ti sei un po' dimenticata di me, ma è solo colpa mia, tu resti e resterai sempre Lesa nel Cuore. Sono stata tua presidente per 5 anni, talvolta un po' latitante e non sempre fattiva, ma piena di stima e simpatia per le iniziative che abbiamo proposto e per le centinaia di articoli che il nostro giornale ha pubblicato. Non importa se non si è vinto alle ultime elezioni, e anche se non ho potuto partecipare attivamente alla campagna elettorale, ti ho sempre avuta nel cuore, ed è molto bello che tanti giovani si siano mobilitati. Volevo salutarti e ringraziarti, ma volevo soprattutto ringraziare Gianni Lucini che con pazienza e con impegno costante ha sempre creduto in Lesa nel Cuore, stimolando tutti noi a crederci. E poi il comitato direttivo e tutti coloro che si sono adoperati per il successo delle nostre iniziative. Matteo (Nerini Molteni), mi raccomando tieni duro e fai una saggia opposizione! Tiziana, sono sicura che sarai un ottimo Presidente. Io ci sono ancora, ho solo bisogno di un po' di tempo per rientrare in sintonia con la politica e le vicende del nostro paese. Lesa sarà sempre la mia casa!
Un abbraccio a tutti

Luisa Valenziani

mercoledì 25 giugno 2014

L'articolo di Matteo Nerini Molteni sul n° 46 di Lesa nel Cuore

Un bilancio a un mese dalle elezioni amministrative

Non abbiamo vinto ma abbiamo la rappresentanza di due consiglieri nel consiglio comunale. Saremo promotori delle proposte contenute nel nostro programma, nel quale i nostri elettori hanno creduto e per il quale ci hanno sostenuto e votato

Le elezioni sono ormai passate e i risultati sono noti a tutti, non abbiamo vinto ma abbiamo la rappresentanza di due consiglieri nel consiglio comunale.
In questa occasione voglio ringraziare tutti i cittadini che ci hanno votato, ci hanno seguito durante la campagna elettorale e che ci hanno stimolato nel trovare delle risposte, contenute nel programma elettorale, alle loro esigenze e ricordare che il nostro gruppo, Siamo LESA, rappresenta un terzo degli elettori di Lesa. Per questo saremo promotori all’interno del Consiglio Comunale delle proposte contenute nel nostro programma, nel quale i nostri elettori hanno creduto e per il quale ci hanno sostenuto e votato.
Voglio ringraziare tutti i candidati della lista Siamo Lesa perché ognuno di noi ha fatto bene il proprio lavoro e insieme abbiamo costruito una squadra che ha saputo fare delle proposte innovative per la comunità di Lesa. Questa squadra, nei prossimi anni, ci supporterà nel compito che ci è stato assegnato: essere una sentinella dell’operato della prossima amministrazione e portatori delle proposte innovative contenute nel programma che abbiamo sviluppato in questi mesi.
Voglio ringraziare anche le persone che non erano presenti nella nostra lista ma che ci hanno aiutato nel duro lavoro di campagna elettorale e di preparazione a queste elezioni, anche loro sono parte della squadra che abbiamo costruito.
Voglio ricordare che il Sindaco Grignoli, che è stato votato dal 48 % dei cittadini lesiani, rappresenta il 100 % dei cittadini e deve quindi essere il Sindaco di tutti, sulle sue spalle e su quelle della sua giunta porta una responsabilità ancora più grande e cioè essere garante del bene comune e responsabile anche nei confronti delle persone che non l’hanno votato.
Il nostro Sindaco dovrà tenere conto delle proposte delle opposizioni che rappresentano il 52% degli elettori, più di quanti l’abbiano scelto, se non metterà in atto le proposte strutturate che faremo in modo puntuale dovrà giustificare perché deciderà di non attuarle.
Infatti, il nostro gruppo intende essere propositivo portando le idee contenute nel nostro programma elettorale, avendole prima valutate nella loro fattibilità anche economica, ne studieremo di nuovi facendo riferimento alle amministrazioni che si sono distinte per l’innovazione che hanno saputo portare nel loro operato.
Saremo concordi con le proposte che riterremo giuste per il bene comune, perché il nostro dovere primario è quello di salvaguardare il bene comune ed operare per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati nella campagna elettorale e cioè di ristabilire il senso di comunità che in questi anni non è stato coltivato.
Saremo fermi nell’opporci a ciò che riterremo lesivo per il bene comune ed in contrasto con la nostra linea di pensiero.
Potremo contare sulla macchina rodata del giornale Lesa nel Cuore che dedicherà, ad ogni uscita, uno spazio al gruppo consiliare Siamo LESA, questa sarà una opportunità importante che ci consentirà di raggiungere tutte le famiglie del nostro comune e di poterle aggiornare su quanto stiamo facendo e permetterà loro di comunicare con noi attraverso i nostri canali di comunicazione, mail, posta ordinaria, facebook.
I temi che svilupperemo e che saranno volti all’ottenimento del bene comune saranno: tutela del territorio favorendo il recupero dei centri storici e del patrimonio edilizio esistente come generatore di economia per le aziende locali, gestione del territorio, dei rifiuti, dell’energia e dei trasporti, ci batteremo per attuare le proposte volte a rispondere ai bisogni dei cittadini.
Alla base del nostro programma c’era e c’è partecipazione dei cittadini alla vita pubblica e questo risultato lo si ottiene immaginando un percorso di avvicinamento e di affezione alla gestione della cosa pubblica. Quello che faremo è mettere a disposizione il giornale e istituire dei giorni di ricevimento presso un locale che ci metterà a disposizione il Comune di Lesa per consentire a tutti di esprimere le proprie idee ed esigenze.
Ci impegneremo a fare in modo che vengano reintrodotti i Comitati Consultivi Territoriali (CCT) che rappresentano una sorta di consiglio di zona che consente una comunicazione più semplice tra il Comune e le Frazioni.
Porremo attenzione allo studio delle criticità nei confronti del superamento delle barriere architettoniche partendo dal presupposto che i cittadini son tutti uguali e devono fruire del territorio senza limitazioni.
Siamo convinti e lavoreremo per spingere l’attuale Amministrazione ad investire nella scuola e sulla qualità dei servizi proposti perché i giovani rappresentano il nostro futuro e pertanto dobbiamo metterli nelle condizioni di sviluppare serenamente il loro percorso educativo, così come lo sport che pensiamo debba essere incentivato con il ripensamento delle strutture presenti così come l’associazionismo fortemente radicato nel nostro paese.
Le numerose attività economiche presenti dovranno essere messe in rete per consentirne uno sviluppo più ampio e coordinato.
Una progettualità dovrà essere avviata anche sugli immobili comunali che devono essere considerati una opportunità per nuovi progetti di servizi e non un peso per l’amministrazione.
Concludendo vorrei dire che la squadra che abbiamo costruito contiene al suo interno un patrimonio di competenze che saranno messe a disposizione del gruppo consiliare per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati e sempre con lo scopo di tutelare i cittadini e monitorare le attività della nuova amministrazione.
Matteo Nerini Molteni


sabato 21 giugno 2014

È in distribuzione da oggi il numero 46 di "Lesa nel Cuore"

È in distribuzione da oggi il numero 46 di "Lesa nel Cuore"
In prima pagina c'è l'articolo "Un bilancio a un mese dalle elezioni amministrative" di Matteo Nerini Molteni
A pagina 2
· I risultati delle elezioni del 25 maggio a Lesa
A pagina 3
· L’isola magica
· Il pavone vanitoso
· Che cosa vuol dire “fare politica”?
A pagina 4
· Candidatura fa rima con avventura
· Ancora qualche domanda sul Porto
A pagina 5
· Il Torymus salverà i nostri castagni
· Nasce il Comitato per lo Sviluppo Sostenibile
· I coscritti del 1935 in memoria di Rudi
A pagina 6
· Il CruciLesa
· Antenna: le nostre preoccupazioni
· Facebook lama a doppio taglio?
A pagina 7
· Il mistero del Castellaccio

venerdì 30 maggio 2014

Grazie a tutti, il lavoro continua…

Come avrete visto dai risultati pubblicati non abbiamo vinto, rappresentiamo, però, un terzo degli elettori di Lesa. I nostri elettori sono cittadini che hanno riposto in noi la loro fiducia, voglio ringraziarli uno per uno ma non credo sia possibile farlo oggi, sicuramente potrò farlo nei cinque anni che ci aspettano.
Voglio ringraziare tutti i candidati perché ognuno ha fatto bene il proprio lavoro e insieme abbiamo costruito una squadra che ha saputo fare delle proposte interessanti per la comunità di Lesa. Spero che le nostre proposte vengano prese in considerazione da chi ha vinto queste elezioni perché il Sindaco eletto ieri deve essere il Sindaco di tutti. Questa squadra, nei prossimi anni, ci supporterà nel compito che ci è stato assegnato: essere una sentinella dell’operato della prossima amministrazione e essere portatori delle proposte innovative contenute nel programma che abbiamo sviluppato in questi mesi.
Voglio ringraziare anche le persone che non erano presenti nella nostra lista ma che ci hanno aiutato nel duro lavoro di campagna elettorale e di preparazione a queste elezioni, anche loro sono parte della squadra che abbiamo costruito.
Voglio ricordare che, a differenza delle scorse elezioni amministrative, in consiglio comunale con noi ci sarà anche un consigliere della lista Noi per Voi, non ci saranno rappresentanti del Movimento Cinque Stelle, ma l’auspicio è di riuscire a collaborare per il bene del nostro comune.
Infine, voglio fare un augurio al nuovo Sindaco, alla giunta e ai nuovi consiglieri perché si possa continuare ad avere dialogo e rispetto reciproco così come affermato ieri sera durante i saluti all’interno del seggio elettorale.
Grazie a tutti, il lavoro continua…
Matteo Nerini Molteni

Il nuovo consiglio comunale di Lesa

Questo è il nuovo consiglio comunale di Lesa:
Sindaco: GRIGNOLI ROBERTO
Consiglieri di maggioranza:
1 - PASSIRANI ANDREA
2 - BERTOLIO AUGUSTO 3 - BONA JESSICA 4 - PERICO DANIELE 5 - MELONE EMANUELA 6 - MELONI RICCARDO7 - VANDONI MARCO
Consiglieri d'opposizione:
Per il Gruppi SI amo LESA
1 - NERINI MOLTENI MATTEO
2 - MARFORIO DANIELA
per il Gruppo NOI PER VOI
1 - MARGHERITA CAMPARI


giovedì 15 maggio 2014

giovedì 8 maggio 2014

Lunedì 12 maggio alle ore 21 all'ex Società Operaia la lista di "SI amo LESA" si presenta


Una campagna elettorale particolarmente difficile

Sarà una campagna elettorale particolarmente difficile, abbiamo bisogno che tutti i nostri sostenitori si diano da fare. Possiamo farcela a cambiare questo paese se tutti ci crediamo! C'è da distribuire materiale, chiacchierare con la gente, sollecitare gli indecisi e raccogliere fondi per le spese. Chi vuole mettersi a disposizione può farlo semplicemente scrivendo a siamolesa@gmail.com
Insieme al nostro sindaco Matteo Nerini Molteni i magnifici dieci candidati a Consigliere Comunale sono, nell'ordine:
Fedeli Olga Maria
Gattico Andrea detto Gatto
Lucini Laura
Marforio Daniela
Prini Giorgio
Rodi Roberto
Rossetto Pietro
Tosi Massimo
Tozzi Tiziana
Zuccaro Amedeo Enrico

Noi li sosteniamo!!!

lunedì 5 maggio 2014

Al fianco di SIamo LESA per Matteo Sindaco

Siamo orgogliosi di aver contribuito alla costruzione della lista "SIamo LESA" per le prossime elezioni amministrative. Nella sua dichiarazione la lista afferma: «La nostra avventura nasce dalla pur importante esperienza d'opposizione maturata in questi cinque anni ma guarda al futuro governo del Comune di Lesa. La lista "SIamo Lesa" ha l'obiettivo di amministrare il comune sulla base di un programma innovativo e capace di dare un futuro migliore alla vita dei cittadini, alla qualità dei servizi, all'ambiente e all'economia del nostro territorio. Quelli che stiamo attraversando sono tempi di crisi e nessuno può illudersi di poter conquistare la fiducia dei cittadini con promesse irrealizzabili, ma quello che possiamo garantire è che saremo persone disposte a spendere parte del nostro tempo per amministrare la cosa pubblica con senso di responsabilità. La nostra volontà è quella di valorizzare le potenzialità presenti sul territorio facendole diventare delle risorse favorendo la messa in rete e coltivandone le relazioni. C'è la consapevolezza che chi è chiamato ad amministrare debba “sempre” pensare i suoi atti in una prospettiva più lunga del tempo nel quale ricopre un ruolo di pubblico amministratore. Se si vogliono evitare gli errori del passato occorre sapere che gli amministratori di questo tempo portano sulle spalle la responsabilità del futuro.» Noi siamo al loro fianco.

mercoledì 9 aprile 2014

Giovedì 10 aprile alle ore 21,00 Consiglio Comunale

Il Consiglio Comunale è convocato per il giorno 10 aprile 2014 alle ore 21,00 con questo Ordine del Giorno: 

1) LETTURA ED APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA
PRECEDENTE

2) ACCETTAZIONE DONAZIONE IMMOBILE INDIVIDUATO AL
FOGLIO N. 5 MAPP. 576

3) VALORIZZAZIONE PROPRIETA’ COMUNALE IN FRAZIONE
SOLCIO – F.N. 14 MAPP. 94-95 – DECISIONI

4) MODIFICAZIONI AL P.R.G.C. VIGENTE AI SENSI DEL COMMA
12’ ART. 17 DELLA L.R. 56/77 E S.M.I. - APPROVAZIONE

lunedì 17 marzo 2014

Lesa nel Cuore in un progetto più largo, persone nuove e un nuovo nome

È un'avventura nuova quella che sta partendo e se vuole raccogliere tutte le potenzialità che arrivano dalla presenza di nuove energie non può restare ancorata alla pur importante esperienza d'opposizione maturata in questi cinque anni.

Le intense riunioni promosse da Lesa nel Cuore per la definizione del programma e della lista stanno dando interessanti e stimolanti novità. La più rilevante è nella qualità della partecipazione. Al gruppo "storico" che si è formato in questi cinque anni di vita dell'Associazione si sono aggiunte nuove persone, nuove competenze e nuovi stimoli che arricchiscono di idee il programma e di nuove individualità la lista. È un'avventura nuova quella che sta partendo e se vuole raccogliere tutte le potenzialità che arrivano dalla presenza di nuove energie non può restare ancorata alla pur importante esperienza d'opposizione maturata in questi cinque anni. La lista che si sta formando ha l'obiettivo di amministrare il comune sulla base di un programma innovativo e capace di dare un futuro migliore alla vita dei cittadini, alla qualità dei servizi, all'ambiente e all'economia del nostro territorio. Quelli che stiamo attraversando sono tempi di crisi e nessuno può illudersi di poter conquistare la fiducia dei cittadini con promesse mirabolanti. La lista non farà credere di avere formule magiche ma raggrupperà persone disposte a spendere parte del proprio tempo per amministrare la cosa pubblica con senso di responsabilità.
Per questa ragione Lesa nel Cuore, fin dall'inizio del percorso di costruzione del programma e della lista ha sollecitato e favorito la collaborazione di tutti coloro i quali si hanno deciso di dare un contributo personale al progetto.
Nei limiti del possibile il programma di impegni e di lavoro che è alla base della formazione della nuova lista vuole mantenersi fuori dalla logica “elettoralistica” che in genere caratterizza questo tipo di documenti. C'è invece la consapevolezza che chi è chiamato ad amministrare debba “sempre” pensare i suoi atti in una prospettiva più lunga del tempo nel quale ricopre un ruolo di pubblico amministratore. Se si vogliono evitare gli errori del passato occorre sapere che gli amministratori di questo tempo portano sulle spalle la responsabilità del futuro. Perchè ogni scelta implica conseguenze future di cui ci dobbiamo far carico oggi.
Questi sono i temi sui quali Lesa nel Cuore sta ragionando in questi giorni con tutte le persone che si sono rese disponibili a dare il proprio contributo di proposte in un importante confronto costruttivo. È una situazione nuova, interessante e foriera di grandi sviluppi. Anche la lista che sta prendendo forma sarà probabilmente in gran parte nuova. Nei fatti sta accadendo ciò che ci siamo sempre augurati, cioè che Lesa nel Cuore divenisse il motore di qualcosa di più ampio e allargato. Per questa ragione nell'ultima assemblea abbiamo formalizzato la disponibilità a essere parte di un processo senza volerci a tutti i costi "mettere il cappello". È probabile, anzi quasi certo, che una nuova lista avrà un nuovo nome. Noi ne saremo parte attiva con le nostre risorse, la nostra energia, il nostro entusiasmo.

Lesa nel Cuore

mercoledì 19 febbraio 2014

Come sarà gestito e quanto costa davvero il Porto di Solcio?

Come sarà gestito e quanto costa davvero il Porto di Solcio? Se lo chiedono i consiglieri comunali di Lesa nel Cuore che in questi giorni hanno depositato un'interpellanza il cui testo è il seguente:
«I sottoscritti Consiglieri Comunali del gruppo "Lesa nel cuore" Tiziana Tozzi, Mario Conterio, Giorgio Prini e  Carlo Diana
visto che i lavori per la costruzione del nuovo Porto di Solcio sono giunti quasi al termine 
rilevato che la stagione estiva che permetterà l’utilizzo dei posti barca disponibili si sta avvicinando

                        rivolgono la presente interpellanza al Sindaco per sapere

  • Quale sia la data di fine lavori prevista
  • Se sono già state attivate le procedure per la pubblicazione di un bando per la gestione dei posti barca e dell’intera area dei servizi   
  • Quale sia l'ammontare dei costi finora sostenuti e quale quello per completare l'opera
  • Quali parti del progetto iniziale non verranno realizzate o sono state ridimensionate».

martedì 4 febbraio 2014

Stiamo lavorando al programma e alla lista ma nessuno sa ancora quando e come saranno le elezioni

Lesa nel Cuore continua le riunioni per la definizione del programma e della lista anche se alla data in cui stiamo scrivendo questo articolo ancora non si sa quando e come saranno le Elezioni Amministrative del 2014. È una sorta di giallo con tanti indizi ma con nessuna prova certa. Sulla base della normativa vigente si che le elezioni si terranno «in una data compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno nei comuni con scadenza naturale del mandato degli organi eletti nel 2009 ed in quelli alle elezioni anticipate perché commissariati o per motivi diversi».
Molti segnali, compreso il via libera in sede di bilancio alla possibilità d'accorpamento con le elezioni europee, fanno pensare che si terranno il 25 maggio oppure il 25 e 26 maggio, ma non è ancora detto. Il nostro impianto normativo prevede non si possano svolgere insieme elezioni di tipo diverso (amministrative e politiche o europee) salvo un provvedimento specifico. Questo provvedimento a oggi non esiste.
Analoga confusione regna sul numero dei consiglieri comunali da eleggere (e quindi sul numero dei candidati in lista). La normativa vigente derivata dalle norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali prevede la riduzione di circa il 20% del numero di consiglieri e degli assessori comunali e quindi un consiglio comunale di sei componenti (quattro della maggioranza e due della minoranza) mentre la giunta sarebbe formata da un massimo di due assessori (massimo perché da sempre non è obbligatorio nominare tutti). Se fosse così le liste sarebbero composte da sei componenti più il candidato a Sindaco.
Nelle scorse settimane, però, la Camera ha modificato questa normativa innalzando il numero dei Consiglieri da sei a dieci. Il provvedimento ora torna in Senato. Se finisse così le liste a Lesa saranno composte da 11 persone (10 candidati consiglieri più un candidato sindaco).
Infine per quel che riguarda i nostri "avversari" o, meglio "contendenti" non è neppure esclusa, in linea del tutto teorica, la ricandidatura di Roberto Grignoli, oggi resa impossibile dal divieto di ricandidarsi alla carica di Sindaco dopo due mandati.
Da più parti si ipotizza che, come accaduto per i Presidenti delle Regioni, il limite dei due mandati sia portato a tre.

Insomma, nulla è certo, la confusione è tanta ma l'unica certezza che ci sentiamo di darvi è che noi alle elezioni ci saremo, con una nostra lista, un nostro candidato a Sindaco e un nostro programma. Dateci una mano, abbiamo bisogno di tutti.