martedì 21 ottobre 2014

È in distribuzione il n° 49 di Lesa nel Cuore.

È in distribuzione il n° 49 di Lesa nel Cuore. Questi i titoli:

  • ·         Vi aspettiamo alla castagnata di Lesa nel Cuore
  • ·         Approvata l'idea delle "Casette dell'acqua"
  • ·         Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
  • ·         Bianco o nero
  • ·         Nerino (Seconda parte)
  • ·         Un’associazione per i genitori “di tutti i giorni”
  • ·         A che punto è la notte?
  • ·         Adotta una stazione
  • ·         Ed eccola la seconda antenna a Lesa!
  • ·         I Consiglieri Comunali di "SIamo Lesa" chiedono chiarimenti
  • ·         IUC (ovvero l’insieme della TASI-TARI-IMU)
  • ·         Il CruciLesa
  • ·         Non lasciamo sola la nostra squadra!
  • ·         Le ricette di Laura
  • ·         Una Biblioteca, una storia e tante imbarcazioni
 

lunedì 20 ottobre 2014

E questo da dove sbuca?

Ci hanno mandato questa foto scattata alla foce dell'Erno sul lato a sinistra guardando il Lago
Si vede chiaramente la presenza di un tubo che presumibilmente scarica (acqua?) a lago. Da dove arriva, che cosa scarica e soprattutto chi l'ha autorizzato?

martedì 7 ottobre 2014

Il cantiere della Valle dell'Erno, abbandono e desolazione. Si auspica l'intervento della magistratura


È ormai passato un anno dalla data del 23 settembre 2013 quando il Comune di Lesa, anche su pressione di Lesa nel Cuore decise di prendere posizione contraria alla proroga della concessione per la realizzazione della Centralina della Valle dell'Erno. 
La Conferenza dei Servizi decise di concedere ugualmente la proroga. 
A distanza di un anno il cantiere giace nel più completo abbandono. Il Comune di Lesa chiese che, qualora la Conferenza dei Servizi avesse concesso parere favorevole venissero garantite alcune condizioni minime tra le quali c'era la seguente: «Trattandosi di esecuzione di lavori da parte di una società privata su strada pubblica, dovrà essere prevista una fidejussione a garanzia della completa realizzazione delle opere a favore del Comune di Lesa, pari quindi all'importo dei lavori di sistemazione della strada ancora da realizzare compresi gli oneri accessori (I.V.A., collaudi, ecc.), come viene richiesto per l'esecuzione di opere pubbliche da parte di privati nell'ambito di realizzazione di piani convenzionati. In tal modo il Comune di Lesa, in caso di nuovo abbandono del cantiere, avrebbe le risorse necessarie per completare i lavori stradali, non potendosi permettere né di tenere una strada con opere incompiute né di finanziarne il completamento con proprie risorse, a scapito di servizi od opere di maggiore interesse per la collettività»
Tiziana Tozzi, all'epoca capogruppo consigliare di Lesa nel Cuore e oggi Presidente della stessa Associazione, dichiarava «Uno dei nostri obbiettivi è sempre stato la tutela del bene comune e per garantirla il nostro impegno e presidio sono costanti perché abbiamo a cuore la salute e il bene dei nostri concittadini. I fatti stanno dimostrando che anche delle persone normali sono in grado di fermare le ingiustizie. Avere la testa dura a volte porta risultati. ». Oggi, di fronte alla situazione d'abbandono e all'immobilismo ribadisce il concetto e si chiede se, di fronte a quella che sembra una costante presa in giro di enti, istituzioni e persone non sia arrivato il momento di chiedere alla magistratura una verifica attenta e scrupolosa sulla regolarità di tutti gli atti e i comportamenti.